123D Design – Non rompete le scatole!

3dprint-150

Vediamo come disegnare e poi stampare una piccola scatota con coperchio.

Partiamo da un cubo, che poi svuoteremo. La figura è un parallelepipedo da 60×60 ed è alto 40.

001-tut-box

Quindi facciamo un clic sulla figura per selezionarla ed un secondo clic sulla faccia superiore.

002-tut-box

Dal menu selezioniamo la funzione shell.

003-tut-box

Inseriamo uno spessore di 3 millimetri: ecco comparire la nostra scatola!

004-tut-boxConfermiamo con ENTER o con un clic sulla scena vuota.

005-tut-box

Salviamo il file e esportiamolo come STL. Possimamo chiamarlo “scatola.stl” e salvarlo sul Desktop.

017-tut-box

Ora creiamo un nuovo disegno e piazziamo un cubo per formare il coperchio.

007-tut-box

Stiamo un pochino più larghi e creiamo un parallelepipedo da 61×61, alto 10.

008-tut-box

Come prima selezioniamo la figura e poi la faccia superiore.

009-tut-box

Quindi con shell la svuotiamo.

010-tut-box

Facciamo attenzione perché useremo uno spessore minore: 2 millimetri e la direzione della shelle è “Outside”. In questo modo il coperchio è creato “esternamente” alla forma della scatola da 60×60.

011-tut-box

Notiamo però che l’operazione ha spostato il coperchio, facendolo sprofondare rispetto al piano di riferimento.

012-tut-box

Dobbiamo alzarlo un po’! Selezioniamo la figura e facciamo clic sul menù “move”.

013-tut-box

Compare il goniometro con le frecce.

014-tut-box

Trasciniamo la freccia che punta verso l’alto oppure selezioniamola e inseriamo uno spostamento verso l’alto di 2 millimetri.

015-tut-box

Ora il coperchio poggia sul piano.

Salviamo il file con il nome “coperchio” e provvediamo anche ad esportarlo come STL.

016-tut-box

La Stampa

Con il programma ReplicatorG, apriamo il file scatola.stl.

019-tut-box

La scatola apparirà nel visualizzatore. Potrebbe essere spostata e sospesa in aria (cioè non appoggiata al piano di stampa).

020-tut-box

Con il menù “move” (visibile nella barra laterale), è molto semplice centrare l’oggetto e posarlo sul piano.

021-tut-box

Per centrare l’oggetto: premiamo “center”, poi per posarlo sul piano premiamo “put on platform”.

022-tut-box

Ora siamo pronti per generare I GCODE. I GCODE sono le istruzioni che la macchina dovrà compiere per realizzare l’oggetto. I GCODE dicono alla macchina di riscaldare l’estrustore e a che temperatura portarlo; fanno muovere la testina di stampa, fanno avanzare il filo di plastica…

023-tut-box

Premiamo l’apposita icona sulla toolbar (o scegliamo la voce Gcode → Generate dal menu dell’applicazione).

024-tut-box

Prima abbiamo modificato il disegno, centrando l’oggetto. Compare un avviso che ci chiede se vogliamo salvare il modello. Premiamo “Yes”.

025-tut-box

Ora appare una finestra in cui inserire le impostazioni di stampa. Ci sono molti parametri, ma non facciamoci intimorire.

026-tut-box

Il primo selettore va modificato a seconda del materiale che stamperemo. Supponiamo sia ABS. Scegliamo quindi se usare l’estrusore di destra o di sinistra.

Non ci serve un RAFT per questa stampa. Vogliamo che sulla stampante compaia la barra di avanzamento. L’infill è la percentuale di riempimento dell’oggetto: 100% se vogliamo una scatola in plastica massiccia (!), altrimenti il valore ottimale è del 20%.

Layer Height è l’altezza del livello, cioè di ogni singolo strato che sarà stampato: 0.20 mm è il valore standard.

L’oggetto è racchiuso da una superficie esterna, come se fosse la sua pelle. Questa superficie si chiama shell e di solito è tripla, cioè ci sono 3 strati uno dopo l’altro. E’ una specie di cipolla!

Verifichiamo che la temperatura di stampa (Print temperature) sia di 230° e che quella del letto (piano scaldante) sia a 90°C (come consigliato da Sharebot).

Facciamo un clic sul tab “Plastic” e verifichiamo che il diametro del filamento sia impostato a 1,82

.028-tut-box

Premiamo “Generate Gcode” ed attendiamo la fine del processo. Ci Vuole un po’ di tempo perché il programma sta facendo a fette il solido e calcolando I percorsi che l’estrusore dovrà compiere.

Ecco una vista dei Gcode generata con Pleasant3D.

032-tut-box

Potrebbe comparire un avviso del tipo:

029-tut-box

Non preoccupiamoci, perché la sharebot pro (o NG) supporta I movimenti accelerati.

Verifichiamo che la macchina sia connessa. Se non lo fosse, colleghiamo il cavo e premiamo:

030-tut-box

Potrebbe essere necessario specificare la porta a cui è connessa. Ora avviamo la stampa con:

031-tut-box

Attendiamo la fine della stampa.

Ripetiamo il procedimento di stampa anche con il file coperchio.stl.

Ecco il risultato finale!

DSCN6392

zip_icon1

Scarica i file (stl, 123design, gcode)

Approfondisci l’argomento sul wiki o sul mio libro 123Design per la stampa 3D.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*